shinhiroki: (cucciolo)
[personal profile] shinhiroki
Le feste sono finite ma... è dall'anno scorso che non posto XD
Quindi... Buon Anno (in ritardo) a tutte!!!
E senza troppi indugi.... ecco il capitolo!!!!

TITOLO: Il cuore delle tenebre 2 -il regno di Kohaku-
FANDOM: Arashi
GENERE: angst, au, fantasy
PAIRINGS: ohmiya/sakumoto/aimoto
RATING: R



Capitolo 8

Il combattimento tra Sho e il cavaliere misterioso era cominciato non appena Kazunari, Satoshi e Subaru erano partiti per raggiungere Yamiyo.
Fin dall'inizio il cavaliere sembrava avere la meglio su Sho.
“Ti stai almeno impegnando?” chiede lo sconosciuto all'avversario che ansima dopo l'ultimo attacco diretto, schivato per un soffio.
Sho è troppo preoccupato per Yamiyo per concentrarsi appieno sullo scontro e per di più quel maledetto è davvero forte e gli sta dando filo da torcere.
Devo muovermi a sbarazzarmi di questo bastardo e correre in aiuto a Yamiyo.
Pensa Sho scattando al contrattacco.
Il cavaliere misterioso si difende dal fendente e si inginocchia lontano da Sho. Una mano sull'orecchio come se volesse sentire meglio qualcosa.
E' il momento giusto!
Sho lo attacca nuovamente ma il cavaliere è protetto da una barriera magica che allontana il nemico all'istante.
“Peccato. Mi sa che mi delizierò con la tua morte un altro giorno. Ringrazia la tua buona stella cavaliere” detto questo sparisce nel nulla lasciando Sho in terra, confuso e incredulo.
“Sho!” lo chiama Satoshi, tornato di corsa con gli altri due.
“Lo hai sconfitto?”
“No...se l'è svignata. Dov'è Yamiyo?”
“Pensavamo ti avesse raggiunto. Quando ha capito che il bersaglio non era lui è corso indietro per aiutarti...”
“Non so dove sia... maledizione! Dobbiamo trovarlo assolutamente!”
“Oddio no! Non di nuovo! Stiamo correndo di qua e di là come cani che si inseguono la coda senza mai prendersela...” sbuffa Nino esausto.
“Se vuoi avere ancora una coda, tu, parassita, vedi di renderti utile e aiutami a ritrovare Yamiyo!” sbraita Sho recuperando il proprio cavallo.
La Kitsune sta per ribattere ma Satoshi lo ferma. Non è il momento di mettersi a litigare.
“Sei un mezzo animale no? Avrai un olfatto più sviluppato di noi umani. Segui le tracce di Yamiyo”
“Ehi senti un po' guardiano di una lucertola! Come ti permetti di trattarmi come un cane da tartufo?! Se vuoi aiuto da parte mia sei pregato caldamente di farlo con gentilezza”
Sho sfodera nuovamente la spada e gliela punta contro, così vicina che la lama sfiora il candido collo di Kazunari ma il mezzo demone non indietreggia di un solo passo.
“Sho!”
“Cerca Yamiyo o ti ammazzo” gli ordina perentorio sotto gli sguardio scioccati di Satoshi e Subaru ma ancora, Kazunari non cede.
“Se non fossi così idiota ora non dovremmo cercare la tua maghetta”
“TROVALO! ORA!”
“Adesso basta” si intromette Satoshi temendo che l'amico, a causa dell'eccessiva preoccupazione per l'amato, perda veramente la testa”Ora ritroviamo Jun ma ricordati che lui sa difendersi da solo. Ha enormi poteri magici”
“Non ne ha il pieno controllo....”
“Ma lo abbiamo visto usarli per levarsi di dosso tutti quegli uomini...”
“Credo sia grazie alla spada Murasaki... e comunque... non sono potenti come... come prima della sua morte. Non ho tempo ora di spiegarvi tutti ma dobbiamo trovarlo!”
Salta a cavallo e inizia a cercarlo.
“Ce la fai?” chiede Satoshi a Kazunari.
“Anche tu mi credi un...” Satoshi non gli da il tempo di continuare la frase e lo bacia “Mmm che stavamo dicendo?”
“Che tu sei l'unico che può trovare Jun”
“Se sei tu a chiedermelo così...non posso che farlo”
Si mettono così tutti alla ricerca di Yamiyo mentre Kazunari segue la scia del suo odore.
Poco dopo Sho li raggiunge.
“Ci sono novità?”
“Per ora nulla...”
“Qui l'odore è più forte...” afferma Kazunari non sospettando di trovarsi nel punto in cui il mago è stato colpito dalla freccia prima di sparire.
Si accovaccia.
“C'è.... del sangue...”
“Come?”
“Temo...sia suo”
“No...non può essere” sbianca Sho.
“Kazu sei sicuro?” prova a chiedere Satoshi spaventato all'idea che sia capitato qualcosa di brutto all'amico.
“C'è il suo odore e questo” dichiara il mezzo demone mostrando la parte finale di una freccia con tanto di brandello di stoffa “E' seta nera... e puzza della maghetta.”
“No no no! Non può essergli successo qualcosa! Io lo troverò!” urla Sho spronando il cavallo al galoppo.
“Sho aspetta!” prova a fermarlo Satoshi inutilmente “Che testa calda!”
“Qui di caldo c'è il tuo demonietto” afferma Subaru.
Satoshi si volta e trova Kazunari ansimante con il negoziate che lo sorregge per non farlo cadere a terra.
Lo prende subito tra le braccia e gli tocc la fronte trovandolo caldissimo.
“Oh mio Dio Kazu ma tu hai la febbre! Perché non me lo hai detto?”
La Kitsune però non gli risponde perché ha perso i senti.
Come se la situazione non potesse peggiorare ulteriormente, si mette a piovere a catinelle.
“Dobbiamo trovare un riparo o Kazu potrebbe peggiorare. Maledizione a Sho!”
Caricano il malato sul carro di Subaru e si affrettano a trovare un riparo.
La fortuna li aiuta e dopo poco trovano tra gli alberi una caverna riparata tra gli alberi.
Satoshi lascia Kazunari in custodia a Subaru mentre prepara un giaciglio più comodo possibile per il mezzo demone e poi ve lo corica sopra.
“Provo ad accendere un fuoco” asserisce Subaru raccogliendo alcuni legni all'interno della caverna.
Sicuramente quel luogo viene spesso usato dagli avventurieri come riparo per la pioggia e la notte.
“Mannaggia accenditi!” sbuffa continuando a sfregare due bastoncini insieme.
Una foglia cade tra quelle accumulate dal ragazzo e subito si sprigiona il fuoco.
“Sono un mago! Chiamatemi Supremo Subaru”
“Non...darti...tante...arie...vecchio...spelacchiato... è...tutto....merito mio” biascica Kazunari.
“Hai ripreso conoscenza!” esclama sollevato Satoshi “Mi hai fatto prendere un tale spavento”
“Ho abusato troppo dei miei poteri... sono pur sempre un mezzo demone...”
“Ti abbiamo chiesto troppo...”
“Dov'è quel cretino di un cavaliere?”
“Non si arrende. Vuole trovare Jun a tutti i costi” spiega Satoshi mentre il mezzo demone boccheggia per la febbre alta “Non preoccupartene ora. Pensiamo a farti star meglio. Bisogna toglierti questi vestiti”
“La cosa...si fa interessante” sorride Kazunari.
“Vecchietto passami degli abiti asciutti e una coperta”
“La dovete smettere tutti quanti di darmi del vecchio. Questa storia inizia a scocciarmi” brontola mentre recupera tutto quello che gli è stato chiesto.
Satoshi spogli Kazunari e gli fa indossare gli abiti asciutti.
“La tua coda a volte è un problema” gli sorride accarezzandogli dolcemente il viso.
“Nel mio borsello...quello da cui non mi separo mai... ci sono delle erbe medicinali, me le prenderesti per favore?”
“Se sei cortese devi stare proprio male” ridacchia Satoshi per mascherare la preoccupazione.
Prende il borsello e lo apre trovando dentro le erbe ma anche un sacchettino tenuto chiuso da un filo d'oro. Vorrebbe saperne di più ma prima è meglio curare Kazunari.
“Spremile Toshi e fammi bere il succo”
Obbediente, Satoshi esegue e spreme il succo nella bocca della Kitsune che ingoia.
“Amarooooo”
“E' per il tuo bene” ribatte il ragazzo con l'occhio che gli cade continuamente su quel misterioso sacchetto.
“Aprilo se ti incuriosisce tanto”
“No io... sono cose tue non...”
“Stai sbavando dalla curiosità... ed è strano perché non sei esattamente un tipo curioso...” sorride Kazunari coprendosi per bene con la coperta “Aprilo forza.”
Vergognandosi per la sua curiosità insolita, Satoshi sciogli il nodo che tiene legato il sacchetto e lo apre. Dentro vi trova un braccialetto di fili d'oro intrecciati come se fossero rami e delle piccole foglie d'oro.
“Non l'ho rubato” si affretta a dire il malato tra un colpo di tosse e l'altro “L'ho... preso da mio padre”
“Tuo padre?”
“E' l'unico ricordo di mia madre... prima di andarsene ha lasciato questo... glielo regalò mio padre per il loro matrimonio. Lui voleva sbarazzarsene così...l'ho preso io”
“Oh Kazu...” geme Satoshi abbracciandolo “Piccolino”
Mentre Satoshi coccola il suo amalto, arriva Sho, bagnato fradicio.
“Trovato qualche indizio?” chiede Subaru.
“No... niente...maledizione gli è successo qualcosa!” dice entrando nella caverna dopo aver messo al riparo il cavallo. “Cos'ha ora quel demonio?”
“Ha la febbre”
“Ogni scusa è buona per non fare niente. Dobbiamo riprendere le ricerche e...”
“Smettila Sho!” tuona Satoshi staccandosi dalla Kitsune che nel frattempo si è addormentata “Siamo tutti preoccupati per Ju, io per primo, ma sta piovendo a dirotto e Kazu sta male per quanto aiuto ci ha dato...”
“Aiuto...” borbotta Sho sgocciolando “Per seguire una pista col suo olfatto animale”
“Non ha fatto solo quello!” sbotta l'altro esasperato “Kazu ha fatto tantissimo! Anzi ha fatto tutto lui! Ci ha trasportati al castello di Jun e grazie ai suoi poteri e allo specchio magico posto nella sua stanza ci ha permesso di localizzarvi e raggiungervi...” a queste parole Sho si illumina.
“Lo specchio! Andiamo al castello di Yamiyo interroghiamolo e troveremo Yamiyo. Kazunari deve portarmi subito lì!”
“Lui non ti porta da nessuna parte adesso. Tenta di calmarti Sho e recuperare la lucidità. Vuoi vedere Kazu in pericolo di vita?”
“Allora vuoi far morire Yamiyo?! Io non ho intenzione di perderlo di nuovo!”
“Neanche io voglio perdere Jun!” gli urla contro Satoshi furioso “Ma non posso mettere in pericolo Kazu in un modo così stupido! Tu ami Jun e sei preoccupato per lui! Puoi benissimo capire come si sento io!”
I due si guardano a lungo in silenzio finché non è Sho ad abbassare lo sguardo e sospirare.
“D'accordo...” e si toglie i vestiti bagnati restando solo coi calzoni vicino al fuoco.
Quel cavaliere misterioso, quando si è messo in quella strana posa d'ascolto... forse aveva un complice. Er atutto un piano per far dividere lui e Yamiyo.
Chi può avercela con Yamiyo?
Domanda stupida, si dice.
Per la sua vendetta il mago ha causato molte sofferenze e per di più se davvero ci sono altre persone dotate di poteri magici, lui è un grande ostacolo.
Maledizione maledizione!
Devo trovarlo!
Si dispera Sho.
Non ha assolutamente intenzione di perderlo di nuovo.
Si volta a guardare Satoshi intento a prendersi amorevolmente cura della Kitsune profondamente addormentata.
“Come mai ci stavate cercando?” gli chiede.
“Volevamo portare Jun da Masaki... sua Maestà Masaki”
“E tu saresti preoccupato per lui?! Lo volevi condurre dalla persona che lo ha bandito dal suo regno e messo una taglia sulla sua testa!” scatta in piedi in preda alla collera “E' stato quel demone a far sparire Yamiyo?!”
“Smettila di dire fesserie e non saltare subito alle conclusioni. Non è così”
“E allora com'è?”
“Sua Maestà Masaki è stato costretto dal consiglio a mettere una taglia su Jun. Ma lui.. vuole parlarci”
“Parlargli? E di cosa?”
“Credo... che sia ancora innamorato...” mormora Kazunari, svegliato dalle urla di Sho.
Tutti lo guardano increduli.
“E' solo un'ipotesi...ma prima che succedesse tutto quel casino per colpa di culo di scimmia... loro due si amavano...e non hanno mai veramente chiuso...”
Una stilettata al cuore di Sho.
Il re... Yamiyo... l'amore che li univa prima che lui entrasse a far parte delle loro vite...quando non esisteva il mago oscuro Yamiyo ma c'era Matsumoto Jun, un giovane innamorato e ricambiato dal principe ereditario di Midori.
“Tu credi Kazu?”
“Ehm...scusate se mi intrometto...” dice Subaru “Ma qualcuno può gentilmente spiegare anche a me?”

Piano sta recuperando conoscenza.
Lo capisce dal dolore al fianco che si fa via via sempre più acuto.
Aprendo gli occhi capisce di non essere più nella foresta. E' in una stanza e a giudicare dall'arredo e dal trono posto sotto un vecchio albero appassito i cui rami possenti vanno ben oltre il soffitto e le radice oltre il pavimento si trova in una sala del trono.
“Sono...”
“Benvenuto a Kohaku...Jun” sorride malvagiamente Tatsuya comparendo dall'ombra e piazzandosi davanti a lui “E' qui che stavate venendo tu e quel cavaliere stolto no?”
“Sei ancoravivo bastardo” ringhia Yamiyo sentendo nuove fitte al fianco.
“Come si suol dire...chi non muore si rivede!” ride sguaiatamente “Oh non fare quella faccia deforme! Ti si rovina quel bel faccino...”
“Che hai fatto a Sho?”
“Dunque ti sta proprio a cuore quello. Eppure giuravi eterno amore a Masaki...”
“Le tue provocazioni non mi toccano stronzo.” afferma Yamio facendo un passo verso di lui ma viene prontamente respinto.
“Ops! Non te l'ho detto? Sei chiuso in una gabbia invisibile magica dalla quale non puoi uscire ne usare i tuoi poteri!” esclama soddisfatto “Anche se... come ho ben potuto notare... non hai quasi più poteri...e se ti stai chiedendo come faccio a sapere tutte queste cose è perché ho spiato te e il tuo amichetto. Ti sarai già dato una spiegazione al perché non puoi più usare i tuoi poteri vero? Volevi vendicarti e...lo hai fatto. Masaki è sul trono di Midori e se non fosse per l'amore di quel babbeo saresti già morto...”
“Ma tu sei ancora vivo”
“Pensavi che sarei rimasto buono buono in attesa che tu e il tuo cavalieruccio mi uccideste senza assicurarmi una via di uscita?”
“Che cosa vuoi ancora? Cosa non ti è chiaro? Masaki non ti vuole”
“Sai...ho rivalutato attentamente le mie prospettive...” afferma Tatsuya sedendosi sul trono “Perché accontentarsi di controllare solo Midori quando invece posso governare il mondo intero? E qui, mio caro Jun, entri in scena tu che discendi da una famiglia con antenati magici e il tuo adorato cavaliere che possiede un drago su cui devo solo mettere le man”
“Pensi che te lo regalerà in cambio della mia libertà? Sei così stupido?”
“Non ho detto che lo farò con le buone...vedi... io ho enormi poteri, il Drago Metallico risponde a me... e... ho queste due bei pezzi di metallo...” dice mostrando la spada Murasaki e un'altra spada “La Yougan... la spada dei Sakurai...”
Yamiyo riprova ad attaccarlo ma viene rispedito indietro.
“Possibile che tu non capisca che è tutto inutile? Non sei più Yamiyo sei di nuovo Jun che affoga nelle sabbie mobili del destino a cui non puoi ribellarti”
“Piantala!”
“Ricordi? Quando vivevamo tutti al castello. Sapevi già da allora che non poteva durare per sempre con Masaki. Due uomini... e lui addirittura un principe destinato a regnare su Midori! Sarebbe finita comunque ho solo fatto in modo che fosse alle mie condizioni... ma ora.... ora non puoi più fare nulla Jun. Sei inutile e io mi prenderò tutto quello che voglio e stai pur certo che Masaki saprà da che parte stare”
“Non te lo permetterò mai!” gli urla Yamiyo.
“E come farai? Quando ottenesti i poteri magici non avevi nulla da perdere eri accecato dalla vendetta ma ora non puoi più o sbaglio? Rischi di perdere Sakurai Sho”
“Non mi importa un accidente di lui. Mi interessa solo distruggerti”
“Allora perché non lo hai ancora fatto? Quale paura ti impedisce di riavere la magia?” chiede guardando la spada Murasaki sotto lo sguardo carico di odio dell'altro “Ora capisco...tu... non hai sacrificato la tua vita per la vendetta. Quello che hai sacrificato è l'amore di Masaki...per te!” esclama entusiasta come se avesse appena scovato un enorme tesoro “Ami così tanto quel Sakurai da rinunciare alla magia ma non al suo amore!”
“Se gli torci un capello...”
“Sarà ancora più divertente portarti via anche lui”
Detto ciò, Tatsuya si alza dal trono e si volta verso alcuni rami, disposti come a formare un arco. Muove la mano e la vista attraverso diventa come lo specchio magico di Yamiyo e mostra Sho e gli altri nella caverna.
“Notevole il fisico di quel ragazzo. Dopotutto è un guerriero. Sarà bello passare insieme i suoi ultimi istanti di vita”
“Che cosa vuoi fare?!”
“Oh lo vedrai! Assisterai in diretta alla disfatta di Sakurai Sho da qui” nella sua mano, Tatsuya, fa comparire una freccia e prende un profondo respiro “Quanta fatica bisogna fare per diventare dominatori del mondo?”
Si conficca la freccia nel fianco.
“No ...tu.... non vorrai...”
“Che intuito” sorride Tatsuya trasformandosi in lui “Goditi lo spettacolo...Jun”
Poi, sparisce lasciandolo solo.
From:
Anonymous( )Anonymous This account has disabled anonymous posting.
OpenID( )OpenID You can comment on this post while signed in with an account from many other sites, once you have confirmed your email address. Sign in using OpenID.
User
Account name:
Password:
If you don't have an account you can create one now.
Subject:
HTML doesn't work in the subject.

Message:

 
Notice: This account is set to log the IP addresses of everyone who comments.
Links will be displayed as unclickable URLs to help prevent spam.

Profile

shinhiroki: (Default)
shinhiroki

April 2017

S M T W T F S
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

Most Popular Tags

Style Credit

Expand Cut Tags

No cut tags
Page generated Jul. 21st, 2017 04:37 pm
Powered by Dreamwidth Studios