shinhiroki: (nekooo)
shinhiroki ([personal profile] shinhiroki) wrote2015-09-03 05:01 pm

Il cuore delle tenebre 2 -Il regno di Kohaku-

Chi non muore si rivede!!! e per voi un nuovo capitoloooo

TITOLO: Il cuore delle tenebre 2 -il regno di Kohaku-
FANDOM: Arashi
GENERE: angst, au, fantasy
PAIRINGS: ohmiya/sakumoto/aimoto
RATING: R



Capitolo 5:

Yamiyo e Sho corrono svelti attraverso il corridoio deserto.
Prima si infilano nella stanza dove avrebbe dormito Sho e recuperano i suoi pochi effetti personali compresa la spada murasaki e il sacco contenente la corona di Ametista e le mappe.
La pietra di Luna ben custodita nella sua tasca.
Sa che deve cedere la spada e la corona a Yamiyo, infondo sono suoi di diritto ma ora non c'è tempo per distribuire l'eredità. Devono fuggire veloci.
Sta per uscire dalla stanza quando l'altro lo ferma.
“Passiamo per i passaggi segreti”
Yamiyo apre un passaggio nel muro spostando un libro nella libreria e si trascina dietro il cavaliere.
In poco tempo sbucano proprio nella camera da letto patronale. Di Ryo nessuna traccia.
Forse è fuori, in attesa dei gendarmi per portarli direttamente da Yamiyo.
“Fai la guardia alla porta. Io cerco” ordina il mago iniziando a rovistare in giro.
Agitato, Sho saltella da un piede all'altro.
“Muoviti muoviti non abbiamo tanto tempo”
“Non mettermi fretta Sho!”
Sentire il suo nome pronunciato da ragazzo che ama provoca al cavaliere una gioia infinita. Poco importa se è solo per sgridarlo.
Lo guarda con gli occhi dolci, distraendosi dal compito affidatogli.
E proprio a causa della sua disattenzione che viene sorpreso da una lama sotto la gola.
“E dire che sei un cavaliere della guerra” Sho deglutisce e indietreggia provando ad impugnare l'elsa della spada “Io non lo farei se fossi in te...” lo minaccia Ryo “E tu smettila di frugare tra le mie cose”
Yamiyo lo guarda con aria di sufficienza e poi riprende a frugare come se nulla fosse.
“Fermati o gli taglio la gola!”
“Fai pure” è la risposta del mago.
“Devi valere davvero poco per lui visto che non si cura della tua vita.
Sho rotea gli occhi e stende Ryo con un solo pugno ben assestato alla bocca dello stomaco lasciandolo in terra tramortito.
“Non sei il primo che mi dice queste cose. Ma io so che è il modo di Yamiyo di dimostrarmi amore e fiducia”
“Questo lo pensi tu. Strano però che tu non abbia piagnucolato come al solito topolino”
“So come sei fatto. Ma era deboluccio quello...”
Yamiyo si volta a guardare il corpo di Ryo.
“Era soggiogato”
“Cosa?”
“Muoviamoci dobbiamo andare.....abbassati!”urla Yamiyo a Sho che aveva dato tranquillamente le spalle al marchese.
Questo infatti, ripresosi dal colpo e recuperato il coltello, cerca di colpire Sho ma quello scansa il fendente.
“Maledetto ha finto di svenire!”
“Guardalo bene. È privo di sensi ma qualcuno lo sta manovrando a proprio piacimento.”
“Ma chi può essere?”
“Invoca la tua spada fiammeggiante e lanciami quella che porti al fianco”
La spada Murasaki... dopo secoli torna nelle mani di un Matsumoto.
Pensa Sho sfiorando con il pollice l'Heliolite.
“Muoviti!” incalza Yamiyo che ha lanciato un intero cassetto a Ryo per provare a fermarlo ma è come se non avesse nessuna cognizione.
Sho lancia la spada a Yamiyo che l'afferra senza problemi.
Non appena la mano del mago si stringe intorno all'impugnatura, un dolore acuto gli attraversa il corpo e cade in ginocchio facendolo urlare. Yamiyo sviene.

Quando riapre gli occhi lo scenario che gli apre davanti è spaventoso.
Non è più alla villa. Non sa dove sia ma tutto intorno sta bruciando: case, campi, vegetazione; gli urli strazianti della gente che cerca di salvare qualcosa o ritrovare qualcuno della propria famiglia per fuggire alle fiamme altissime.
Pensa di essere travolto da un gruppo di persone in fuga ma questi lo attraversano come se neanche fosse lì.
Un sogno? Si chiede Yamiyo guardandosi le mani mentre sopra la sua testa vola una drago ma non uno qualunque: il drago metallico.
Un lampo.
Che sia a Kohaku?
Prende a correre e dopo un po' si trova davanti a un enorme palazzo costruito intorno a un enorme albero di ciliegio. Il palazzo reale.
Prima di potersi avvicinare però, vede nella valle Souon agonizzate e due figure vicino ad esso.
Corre nella loro direzione e resta impietrito nel vedere i due uomini.
Uno a terra, ferito gravemente tra le braccia dell'altro inginocchiato.
Sono... lui e Sho solo con vestiti antichi e capigliature diverse.
E' come vedersi allo specchio...
“Ren...” singhiozza quello identico a Sho, con una mano sul petto dell'altro per tentare di bloccare l'emorragia.
Yamiyo è paralizzato davanti a quella scena.
“Sou...suke...”
“Non parlare... resisti... ora ti porto da un curatore...”
“Sousuke...”
“Starai bene... lo so”
“Amore...” lo interrompe quello “Non c'è più tempo. Devi scappare e metterti in salvo”
“Ren... amore... io non voglio abbandanarti...” singhiozza Sousuke stringendolo tra le braccia.
“Chiedi...scusa a Satsuki da parte mia.... non sono riuscito a rendermi utile... il tuo regno...”
“Se muori non ti perdonerò Ren! Non lasciarmi!”
“Prenditi cura di Satsuki... ultimamente non sta tanto bene...”
“Amore mio...” mormora Sousuke sentendo il dito dell'altro premergli sulle labbra “Ren... vita mia...”
“Ti amo immensamente Sousuke. Proteggi la tua e la mia famiglia...”
“Ren...”
Con le ultime forze, Re Matsumoto si solleva per baciare l'amore della sua vita.
“Ora vai...”
Sousuke lo stringe a sé sapendo che quella è l'ultima volta che abbraccia il suo amato.
“Ti amerò per sempre...” sussurra prima di adagiarlo sulla terra, sistemandogli i capelli.
Si solleva e lo guarda distrutto. Gli manda un ultimo bacio.Vorrebbe restare lì fino al suo ultimo istante ma, anche nella morte, Ren è autoritario e risoluto. Si allontana da lui.
Rimasto solo, Ren si rialza a fatica.
Yamiyo inizia a vedere cose confuse intorno a lui. Ren Matsumoto, con l'aiuto di qualcuno che non riesce ad identificare, riesce a sigillare il drago metallico sulla montagna del lontano Nord prima di morire, col sorriso, pronunciando il nome dell'amato Sousuke.

“Yamiyo! Yamiyo!” continua a chiamarlo Sho che sta tenendo testa a Ryo, ancora soggiogato, lontano dal ragazzo svenuto in terra “Maledizione... svegliati Yamiyo!”
Il mago inizia a riprendere conoscenza. Si strofina gli occhi sentendo qualcosa di bagnato. Sta piangendo?
Si guarda la mano scioccato vedendo che sta piangendo sangue.
“Cosa diamine state... oh Santo Cielo!” urla Subaru arrivato di corsa a cercarli “Che succede?”
“Guai” risponde Sho allontanando da se il marchese con un poderoso calcio avvicinandosi a Yamiyo.
“Andiamocene...” ansima il mago muovendo la mano spazzando via Ryo che sbatte contro il muro e dal suo corpo esce del fumo nero. Questa volta non si rialza.
Yamiyo si infila un sacchetto nella tasca della giacca.
“Trovato...”
Sho lo sorregge e con Subaru vanno verso le stalle.
“E' tutto pronto dice il commerciante”
“Però Yamiyo ora non può cavalcare...”
“Sto bene” afferma il mago.
“No non stai bene. Subaru dividiamoci. Accatta il cavallo che hai preso per Yamiyo al carro. Tu nasconditi all'interno. Dirigetevi verso Sud. Uscite da Midori.”
“E tu che farai?” chiede Subaru aiutando Yamiyo a salire sul carro.
“Farò da esca” spiega mettendosi un mantello nero addosso calandosi il cappuccio sul viso. “I gendarmi mi scambieranno senz'altro per Yamiyo in fuga e mi inseguiranno”
“Nessuno sano di mente ti scambierebbe per me” brontola offeso il mago.
“Non abbiamo grandi scelte al momento. Andate” intima Sho.
Subaru sprona il cavallo e parte velocemente con Yamiyo che nel carro viene sballottato di qui e di là. Solo quando sono quasi al confine sud di Midori, Subaru rallenta. Nessuno è al loro inseguimento.
Forse il piano di Sho ha funzionato.
“Come mai il cugino del re prima ci ospita e poi chiama la gendarmeria e ci attacca lui stesso?”
“Perché è stato soggiogato” spiega Yamiyo con lo stomaco sotto-sopra.
“Lo avete soggiogato?”
“Non sono stato io”
“E allora chi?”
“Può essere stato chiunque...”
“Ma non sei tu il mago oscuro più potente di tutti?” chiede Subaru dubbioso.
“Per avere poteri magici oscuri basta solo avere qualcosa da sacrificare... o sei come Tatsuya che voleva solo il potere o sei così disperato e quella è la tua ultima chance...” mormora Yamiyo guardando la spada Murasaki ai suoi piedi.
“Sho te l'ha data vedo. La spada dei Matsumoto, re di Ametista”
“Mi sembra incredibile discendere da una famiglia reale...”
“Anche tu hai intenzione di riprenderti il tuo regno?”
“Ancora non lo so... non sono neanche ventiquattro ore che sono di nuovo vivo e non sono riuscito ancora a fermarmi a pensare con calma che fare”
“Sho ti ha raccontato qualcosa delle vostre dinastie?”
“Si... qualcosa. Questa è la spada del mio avo...”
“Certo che il destino può essere davvero beffardo. I Matsumoto e i Sakurai divisi dalle avversità per tanti anni ora si ritrovano...”
“Non ci trovo nulla di romantico”
“Alzato col piede storto?”
“Fino a stamattina ero morto vedi tu” sbuffa contrariato Yamiyo sentendo dei rumori “Arriva qualcuno”
“Forse è Sho”
“No... sono più persone... lo sapevo che non ci sarebbero cascati...”
“E ora che facciamo? Sprono i cavalli?” chiede Subaru agitato sentendo il rumore degli zoccoli al galoppo sempre più vicini.
“No. Ora stai calmo e comportati con naturalezza”
Quello prende un profondo respiro e continua a guidare il carro nonostante sia spaventato a morte di essere arrestato dai gendarmi o peggio ancora ucciso.
“Fermati!” intima una voce imperiosa e in un attimo un gruppo di soldati circonda il carro “Identificati e dicci cosa fai da solo nella foresta di notte”
Subaru, si volta e vede che Yamiyo è sparito.
“Sono un commerciante del regno dell'est. Subaru Shibutani. Sto viaggiando verso sud per lavoro”
“Di notte”
“Qualunque ora va bene per gli affari”
“Visto qualcuno di sospetto?” chiede quello che sicuramente è il capo mentre i suoi uomini setacciano la zona e controllano che trasporti il carro.
“Siete le prime persone che incontro da quando ho lasciato Midori”
“Siamo alla ricerca di un pericoloso criminale creduto morto. Il mago Yamiyo”
“Cercate i morti ora?”
“Pare sia vivo e vegeto... maledetta magia nera”
“Io non ho incontrato nessuno. Meno che mai vorrei incontrare Yamiyo... vivo o morto che sia”
“Capitano...” lo chiama un soldato e Subaru suda freddo “Non è che questo in realtà è Yamiyo?”
Dentro di sé tira un sospiro di sollievo per poi scoppiare a ridere.
“Io sarei Yamiyo? Se lo fossi non viaggerei di notte su un carro! Sparirei... puff! Per magia”
“Ha ragione lui...” si vede costretto ad ammettere il capitano dei soldati fulminando il soldato “Fai attenzione... buon viaggio”
“Lo farò... addio”
“Dietrofront!” ordina il capitano e il gruppetto cavalca via in fretta.
Solo quando sono lontani e nella foresta ripiomba il silenzio Subaru tira un sospiro di sollievo.
“Però... sei bravo a mentire...”
Per poco il commerciante non cade dalla sua postazione quando Yamiyo appare al suo fianco.
“Vuoi mandare me all'altro mondo ora che tu sei di nuovo in vita?! E dov'eri?!”
“Sono sempre stato qui”
“Mi prendi in giro? Ho guardato bene non c'ero”
“E invece c'ero. Sono sempre stato qui seduto al tuo fianco”
“Eri... invisibile..?”
“Questa spada trasuda potere magico. Sono riuscito a rendermi invisibile.” spiega Yamiyo.
“Ti è andata a bene... ma se non ci fossi riuscito?” chiede quello mentre raggiungono il luogo dell'appuntamento con Sho.
“La spada l'avrei utilizzata diversamente. Non guardarmi così. Prima di diventare Yamiyo ero un nobile come tanti altri, ma con la fortuna di essere vissuto al palazzo reale e quindi addestrato da uno dei migliori maestri d'armi assieme al principe ereditario. È ovvio che sappia battermi usando la spada. Probabilmente se non fosse successo tutto quello che è successo sarei diventato un generale di Midori proprio come mio padre”
Subaru lo guarda prima di sentire qualcuno avvicinarsi.
“Questa volta è Sho...” annuncia Yamiyo e dopo poco ecco sbucare il cavaliere “Eccoti...”
Sho ferma il cavallo vicino al carro.
“Mi hanno attaccato i soldati ma erano anche loro soggiogati quindi sono stato attento a non ucciderli. Mi hanno continuato ad attaccare fin quando non mi è sceso il cappuccio e mi hanno lasciato perdere. Del fumo nero è uscito dai loro corpi e si sono accasciati a terra” afferma mentre lega le briglie del proprio cavallo al carro per poi sedersi nel cassone dietro a loro.
“Allora c'è qualcuno dotato di poteri oscuri che sa che sono tornato in vivo e mi sta dando la caccia...” deduce Yamiyo.
“Come stai?” gli chiede Sho “Sembri stanco” e gli accarezza la mano.
“Non sono un micio da coccolare” si lamenta il ragazzo dandogli un colpo sul dorso “E sto benissimo”
“E' meglio che riposi un po'. Ti posso tenere tra le braccia per farti stare comodo e...”
“Figurati! Piuttosto non dormirò mai più per la mia intera esistenza!”
“La morte non ti ha addolcito nemmeno un po'” sorride Sho appoggiando la schiena alla sponda del carro.
“Mi piaccio così come sono”
“Non ho mai detto che tu così non mi piaccia...”
“Continuerete a tubare come piccioncini ancora a lungo?” li prende in giro Subaru.

La notizia del ritorno di Yamiyo si sparge a macchia d'olio per tutti i regni, arrivando inevitabilmente alle orecchie di Masaki.
Saputa la cosa, fa preparare tutto per il suo rientro a Midori.
“Vostra Maestà Masaki” lo ferma il padre Sho, Sakurai Shun, anche lui in partenza per i regni oltre i mari per combattere gli orchi.
“Ditemi Cavaliere però scusatemi vado un po' di fretta...”
“E' vero allora?” lo interrompe un po' maleducatamente l'uomo più grande “Quel dannato mago è tornato in vita?”
“Mio cugino, il marchese Nishikido Ryo, afferma così. A quanto pare.. quando Jun... volevo dire Yamiyo, è apparso alla villa... c'era anche...”
“Mio figlio...” conclude l'uomo “Vostra Maestà imploro perdono per quello sciocco di mio figlio. È completamente impazzito”
“Non direi. Mi sembra molto lucido e intenzionato a mettere le mani sul trono del regno perduto di Kohaku”
“Voi lo sapete?” chiede l'uomo angosciato “Lo redimerò quel figlio degenere. Dovessi legarlo nella piazza centrale di Midori e flagellarlo con le mie stesse mani!”
“Non sia tragico cavaliere...se è per il patto fatto con i miei antenati non si preoccupi. Non intendo dichiarare guerra alla famiglia Sakurai se davvero vostro figlio tornasse a governare Kohaku.”
“Voi siete così buono e magnanimo...”
“Ho questioni molto più importanti al momento”
“Certo vi capisco” conviene Sakurai “Se è davvero vero che il mago è tornato in vita il mondo intero è in pericolo...”
“Me ne occuperò...”
“Se avete bisogno dei miei servigi...” lo interrompe nuovamente il cavaliere “Non esitate a chiedere”
“Lo terrò a mente Sakurai-san ma al momento voi siete indispensabile oltre mare. Arrivederci” detto questo, Masaki va a salutare il principe Tadayoshi prima di partite alla volta del suo palazzo.
Insieme al suo seguito, sprona al massimo i cavalli e, questa volta, il viaggio dura solo tre giorni.
Non appena arrivato a palazzo, Masaki convoca tutti i generali e Satoshi.
“Masaki dovresti riposarti...” prova a persuaderlo Satoshi seguendolo per i corridoi, vedendo il suo re e amico stanco morto ma è come parlare a un muro “Masaki!”
“Si aspettano che faccia qualcosa!” urla il re fermandosi di botto “E tu e quel demonietto non mi avete neppure avvertito che è vivo!”
“E come potevamo? Da un momento all'altro Jun è tornato in vita e poi è sparito!”
“Si per tornare nella villa in cui è nato.... dev'essere stato Sho a trovare il modo di farlo...”
“Cosa? Sho?”
“Ahahah quell'incompetente che ha una gigantesca lucertola come animale domestico?” ride Kazunari appollaiato a testa in giù al lampadario come un pipistrello “E' un incapace coem credi che possa far risorgere qualcuno?”
“Allora datemi voi una spiegazione. Io stesso ho dato al cavaliere della guerra la chiave che custodiva i segreti di villa Matsumoto e improvvisamente Jun torna in vita. Coincidenza? A me non sembra!”
“Va bene forse avevano un appuntamento galante” ipotizza Kazunari scendendo per appiccicarsi a Satoshi come suo solito “Ora andranno a figliare come conigli da qualche parte e chiameranno i pargoli Shocchino, Shonnola... e via dicendo... e allora?”
“E allora quando Jun è morto l'ho degradato al titolo di traditore del regno e confiscato i suoi beni sapendo che ormai non sarebbe cambiato nulla ma se è vivo...io...”
“Potremmo parlare con lui Masaki” propone Satoshi.
“Non possiamo pensarla così facilmente. Ora Jun è segnato come criminale per quello che ha fatto e tutto per ridarmi il mio regno... non posso fare altro...”
“Masaki aspetta...”
“Sono alle strette... cerca di capirmi Satoshi” dice Masaki entrando nella sala del trono.

Proprio in quel momento Yamiyo starnutisce.
“Stiamo viaggiando per la foresta come dei poveracci da giorni! Quando ci fermeremo per riposare decentemente? Il confine di Midori lo abbiamo passato ormai!”
“Invece di lamentarsi continuamente come una donna... sarebbe il caso che tu usassi quei tuoi poteri per non farci faticare così tanto” sbuffa Subaru.
“Non è così facile! Cosa credi che non ci abbia già pensato a teletrasportarmi nel mio castello e mollarvi qui?! Ma i miei poteri non collaborano! Vorrei tanto pasti decenti, un comodo letto e soprattutto un bagno degno di tale nome! Mi sento sporco!”
“Ti prego Sho dì qualcosa tu...”
“Stiamo costeggiando il fiume dorato, dovrebbe esserci una specie di radura dove il fiume si allarga e sembra un lago. Ci fermeremo lì a riposare e a decidere sul da farsi.” afferma Sho.
“Sentito viziatello?” ridacchia Subaru.
“Lascia che tornino alla normalità i miei poteri e poi ti trasformerò in uno scarafaggio da schiacciare”
“E poi chi ti pulirà le scarpette se mi uccidi?”
Yamiyo digrigna i denti.
“Più sono piccoli più sono odiosi e bastardi...”
“Ti riferisci per caso a Kazunari?”ridacchia Sho mentre arrivano alla radura ben circondata dalla vegetazione “Eccoci finalmente”
“Aaaaah le mie chiappe!” esclama Subaru saltando giù dal carro.
“Gli anziani devono stare attenti ci vuole un attimo a farsi venire le piaghe da decubito” lo schernisce Yamiyo.
“Vuoi per caso vederle da vicino?” ribatte quello calandosi un po' i pantaloni.
“No grazie! Le nature morte non mi sono mai piaciute”
“Ora basta” interviene Sho prima che Subaru si denudi completamente e Yamiyo lo uccida sul serio “Se vuoi riposarti Yamiyo fai pure. Subaru noi cerchiamo della legna per accendere il fuoco e qualcosa da mangiare”
“Eeeeeh? Perché lui può riposare e io no?”
“Mi sembra ovvio chi sia più importante tra noi due”
“Ma se sei più inutile di una foglia che galleggia nel mare mentre stai annegando!”
“Ora ti uccido!” freme Yamiyo e i suoi occhi viola lampeggiano.
Questa volta Subaru indietreggia. E' pur sempre dotato di poteri magici...
Sho tira via Subaru e lasciano il mago da solo.
Questo sospira.
Se solo avesse il pieno controllo dei propri poteri non vagabonderebbe come un mendicante per la foresta, sarebbe nel suo castello nero in attesa di intervenire all'occorrenza.
Sempre se il mio castello esiste ancora.
Pensa sconsolato.
Ai tempi, per non farsi trovare da Tatsuya, aveva eretto un'e norme barriera magica tutt'attorno al castello, creato anch'esso con la magia.
“Non è la mia vasca ma è meglio di niente...”
Si spoglia completamente ed entra in acqua rabbrividendo per i primi minuti per poi abituarsi e godersi il momento di pace.

“Io posso capire che tu sia innamorato perso....non so come fai dato quel caratteraccio ma questi sono affari tuoi...ma è assurdo! Si deve proprio dare una calmata!” strilla Subaru a Sho, di ritorno con la legna e qualche coniglio.
Il cavaliere lo ascolta senza prestargli però troppa attenzione.
Arrivati al rifugio non vede subito Yamiyo. Lo cerca con lo sguardo fino a quando non lo vede riemergere dall'acqua tutto nudo che torna a riva.
Rimane imbambolato a guardarlo con la bocca aperta.
Yamiyo, in tutto il suo splendore, avanza verso di lui, tirandosi indietro con la mano i capelli bagnati.
La cosa ancora più sconvolgente è che il mago sta andando dritto dritto verso di lui.
Trattiene il fiato osservano rapito le goccioline scivolare sul corpo del ragazzo che, a un passo di distanza da lui, gli mette le braccia al collo, guardandolo negli occhi.
Sho deglutisce non sapendo che intenzioni abbia Yamiyo.
“Ti paice quello che vedi?” ma Sho non riesce neanche ad elaborare una risposta decente, solo un incomprensibile grugnito . Il mago gli da un bacio sulle labbra prima di staccarsi da lui per andare a recuperare i propri abiti sorridendo soddisfatto “E tu chiudi quella bocca che ci entrano le mosche” si rivolge a Subaru che, dopo averlo visto uscire dall'acqua, è rimasto a bocca aperta tanto da farsi cadere sui piedi la legna.
Mentre Yamiyo si riveste e i due compagni di viaggio si ricompongono, si sente un gran trambusto nella foresta e pochi istanti dopo compare un gruppo di uomini.
“Ecco tre uomini soli soletti nel bosco...” ghigna quello in testa al gruppo “Ma tu belloccio svestito devi essere Yamiyo... il mago... il traditore... e il regno di Midori ha messo una cospicua taglia sulla tua bella testolina...”

[identity profile] vampiretta87.livejournal.com 2015-09-03 06:07 pm (UTC)(link)
Amo le frecciatine di Jun e ora che cominciamo ad essere nel vivo (o rivivo XD) sono davvero compiaciuta di aver insistito per farti scrivere il seguito *___*

Sho porello ha Jun sadico e un padre altrettanto sadico che sicuramente andrà daccordissimo con Jun XD e oltretutto rischierà anche di non arrivarci sano a Kohaku dato che Jun tenta di fargli venire un colpo apoplettico comparendo nudo dall'acqua come la venere del botticelli XD

E come mio solito chiedo.... continuaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

[identity profile] tempestarashica.livejournal.com 2015-09-04 08:00 am (UTC)(link)
Te lo devo dire di nuovo: tu sei fantastica! :D cioè riesci a farmi sorridere e al contempo a farmi sciogliere in ogni riga che scrivi. Povero Sho, sarà dura conquistare definitivamente Jun ma credo sia sulla strada giusta per farlo :D Jun gli renderà la vita impossibile ma farà battere il cuore a lui e pure a me che leggerò! <3 Questo per dire che ne voglio ancora e che non vedo l'ora di leggereeeeeeeee <3

“Certo che il destino può essere davvero beffardo. I Matsumoto e i Sakurai divisi dalle avversità per tanti anni ora si ritrovano...”
“Non ci trovo nulla di romantico”
“Alzato col piede storto?”
“Fino a stamattina ero morto vedi tu” sbuffa contrariato Yamiyo


Sempre grandiosa <3
Edited 2015-09-04 08:01 (UTC)

[identity profile] faby20m.livejournal.com 2015-09-07 10:25 am (UTC)(link)
Se ripenso alla prima parte della storia, a tutto quello che è accaduto e a come si sono invece evolute le cose fino ad ora... il mio cuoricino batte forteeeee <3<3<3<3<3
Prima erano nemici quei due e Yamiyo combatteva in nome di un amore finito nel dimenticatoio, adesso, come è giusto che sia u__u
e ora invece sono così connessi tra loro che la cosa mi manda ai pazzi *______________*
I flashback del passato sono così romantici e malinconici <3 ci permettono di capire quanto profondo era l'amore che legava i due antenati *______*... caro Yami non hai scampo XD ste visioni ti scombussolano tutto io lo so XD molto presto anche tu capirai di non poter fare a meno di quel topolino impedito u__u
Quanto sono belli tuttiiii <3<3<3
E come lo provoca a quel poveraccio XDDD
Con la scena del fiume il colpo non è venuto solo a Sho ma pure a me *__________* maghetto birichino che se la ride pure soddisfatto XD
Yami è Yami *________* ci piace proprio perché è così XD deve torturare Sho altrimenti non è contento <3<3<3<3<3<3 mentre quello resta immobile come un salame X°D su Sho resisti che la strada è ancora lunga XD
E intanto Masa si pente delle sue decisioni ora che sa che Jun è tornato in vita u__u sempre detto io che esagerava nei suoi confronti invece di essere grato per tutto quello che ha fatto per lui u__u
Certo che con questa taglia su Yamiyo, quei due non avranno mai un momento di pace per tubar... ehm... fare ricerche sui loro regni XDD ma la storia è così movimentata e ha un ritmo così serrato che mi piace tantissimo *________________*
E comunque ora sto per dire qualcosa che mai avrei pensato di dire... dio benedica culo di scimmia e la sua follia u__u perché grazie a lui Jun e Sho si sono incontrati e i Matsumoto e Sakurai sono di nuovo legati tra loro *___________* bravooo XDD una cosa buona l'hai fatta XD ora però levati dalle palle grazie u__u
Io ne vogliooooo ancoraaaaa *______________________________*
seguito seguitooooo asddffghhjkkladfghjjkl *__________* *e' andata XD*
Grazie mille <3<3<3<3<3<3<3<3<3<3

[identity profile] daria-91.livejournal.com 2015-09-27 06:27 pm (UTC)(link)
Ci sono delle frasi che mi hanno fatta ridere sino alle lacrime, altre che mi hanno fatto battere il cuore e sono troppo curiosa di sapere cosa prova davvero Yamiyo per il cavaliere della guerra. Aiba in questa storia lo strozzerei, è inutile come i peli nelle orecchie. Aspetto il seguito *_*